Tutti gli articoli di Daniel

‘The Orphanage’, un orfano di idee

the orphanage

Evidentemente c’è a parlarne, è il film spagnolo dell’anno, e molto probabilmente ci rappresentano al prossimo gala degli Oscar, anche se le mosche non vanno canto di vittoria, che gli spagnoli sono un popolo molto dato per festeggiare prima del tempo. ‘Orfanotrofio’ si sta al box office, e onestamente io non sono sorpreso, a parte la grande campagna di marketing che sta prendendo il film, dobbiamo aggiungere il fatto che è un film di horror, un genere molto in voga tra il pubblico di oggi, che è sempre aperta per spaventare voi in un buon modo, quando si va al cinema, anche se è un film in spagnolo.’Orfanotrofio’ racconta la storia di Laura, che con il marito e il figlio e l’orfanotrofio in cui è cresciuto, con l’intento di riaprire come residenza per alcuni bambini disabili. Una volta lì, il suo figlio Simon, da una fantasia esorbitanti, si inizierà a giocare con alcuni amici che non sono reali, o forse sì. Molto presto cominceranno ad accadere cose molto strane, e Laura è costretto a scavare nel passato dell’orfanotrofio e cercare di scoprire chi vi passarono anni fa.’Orfanotrofio’ è un film efficace, molto divertente, e che è molto al di sopra della media di quello che facciamo di solito, e se prendiamo in considerazione solo il genere horror, quindi devo dire che è molto, molto al di sopra della media di casa. Ma mi piace anche un film che vive troppo in bibliografia, e di certo in un film per dare qualche omaggio a titoli famosi tra il pubblico perché non è male, ma una cosa è fare un paio di tributi, e molto altro, tutto il film è costruito alla radice di altri film. Probabilmente il più referenziato è Steven Spielberg, con chiari riferimenti al ‘E. T.’ e di ‘Intelligenza Artificiale’, e come non, per uno di quei prodotto dal Re Mida, ‘Poltergeist’, con l’emergere di un mezzo nel mezzo del film, e che un server è come il più imbarazzante del nastro, con le frasi dei dialoghi più deplorevoli che ho sentito un po ‘ di tempo (“il poly è cool”).

Juan Antonio Bayona

Bayona
Ma ci sono anche echi di ‘Suspense’, l’immortale film di Jack Clayton, con sede in non meno immortale opera di Henry James, che ha anche bevuto il magnifico ‘Altri’ da Amenábar, che ottiene anche preso in prestito un paio di cose, anche se meno di quanto si potrebbe aspettare. Si possono vedere i riferimenti a “The Haunting”, un film di Robert Wise, che riesce a creare la paura vera, o anche di ” The Wicker Man di Robin Hardy, che raccoglie in un certo periodo di tempo in cui si celebra una festa per l’atmosfera rarefatta che aveva quel film. E così abbiamo potuto essere in un buon momento.

Con questo non voglio dire che il film non è male, non per me, ma non riesco a trovare un singolo punto di originalità, lo stesso che gli permettono di sopravvivere come un film a se stesso senza il bisogno di dipendere da tutti quei film. In quello che sembra a me che il film ha alcuni errori nella vostra parte di argomento, che, in parte reale, in modo da chiamare, è pieno di incongruenze, e tutti ruotano intorno ad un certo bambino, deformato, e sua madre, che sembra essere la madre di Mortadelo. Ed è a questo punto che mi ha lasciato un po ‘ perplesso. Se si vuole fare un personaggio un’aria di minaccia o di mistero, che ovviamente non ha bisogno di mettere il volto più oscuro del mondo, ma quello che si può fare è che quel personaggio ha la faccia di uno scherzo. L’incontro con alcune altre di tempo inutili nel film, argumentalmente parlando, dato che ingannevole sequenza in cui vediamo le conseguenze fisiche di un vero oltraggio, o l’epilogo del film, che goop che viene ad essere come un ulteriore tocco, quando nella scena precedente il film è finito perfettamente.

Una corretta film, che scopriamo a Bayonne come regista molto da tenere a mente, anche se ho la sensazione che si finirà per sedurre dal lato oscuro della forza, e molto presto la chiamata di Hollywood, dove si cercherà di tenerlo per sempre. Non sarò io che si lamentano, che sarà di apprendimento gli altri.

L’esorcismo di Emily Rose, la seconda parte

Dopo aver parlato del film, il bordo ci occupiamo della vicenda reale.

Ieri vi abbiamo aggiornato su alcuni fatti inerenti la produzione del film L’Esorcismo di Emily Rose e oggi torniamo, vieni promesso, sull”theme per offrirvi qualche approfondimento sui fatti realmente accaduti che hanno successivamente ispirato il regista e gli sceneggiatori.La tragedia di questa povera ragazza,il cui vero nome è Anneliese Michelincomincia nel 1968, quando l’allora sedicenne Anneliese comincia a soffrire di attacchi di epilessia, correttamente diagnosticata dalla Clinica Psichiatrica di Würzburg. Purtroppo nessuno se occupaz di dio mobilità durante i periodi di depressione che seguono immediatamente ogni attacco: la giovane passa un lungo periodo in ospedale e torna a frequentare la scuola solo nell’autunno del 1970 ma, causa anche una grave istruzione religiosa, comincia a convincersi di essere posseduta.
Anneliese comincia un lux volti demoniaci durante le sue preghiere quotidiane; seguono immediatamente a ruota voce diaboliche che la perseguitano urlandole che brucerà tutti’Hell. Gli psicologi consultati non riescono ad approdare a zero e per tre anni la ragazza dal vivo onu calvario quotidiano alternando sprazzi di vita “normale” dall’importante di sofferenza e disagio psichico.Nel 1973 i consultano alcuni Pastore per richiedere onu esorcismo che viene sempre e comunque rifiutato: le prove della possesso (Infestazione) richieste per permettere onu rituale di esorcismo sono molteplici e come impossibili da documentare con serietà e completezza (avversione ai simboli religiosi, poteri e comportamenti soprannaturali, il parlare in lingue sconosciute al soggetto…).

La vera storia di emily rose

la vera storia
Nel frattempo le cose se aggravano e durante tutto il 1974 la povera ragazza assumere comportamenti profondamente patologici: non dorme mai sul pavimento, mangia insetti, beve la sua urina, distrugge dipinti a tema religioso, se malconcia, mi sono vestito, digiuna, morde i genitori e se automutila.Nel settembre 1975 il vescovo di Würzburg, dopo tamper esame, assegna ai pastore Arnold Renz e Ernst + Alt + l ” ordine di avvio da piazza un Grande Esorcismo sulla ragazza secondo il Rituale Romano. Diversi “demoni” se manifestano nella posseduta (Lucifero, Giuda, Caino, Nero, Hitler fra i “maggiori”) durante le sedute di esorcismo che spaziano in un lungo periodo di tempo, da settembre al luglio dell’anno seguente, il 1976.Anneliese subisce fino a due rituale alla settimana durante i qualità deve essere tenuta ferma da parecchi uomini adulti, ma trova anche il modo di vivere sprazzi di vita normale (esami di studi, raccolta in chiesa…) in una drammatica altalena psicofisica dei cavalieri.Mesi e mesi di interminabili litanie e preghiere, monotona e ripetitiva. Le ginocchia distrutte dalla continue genuflessioni. Digiuno immediatamente. Non ci sono levitazioni, statuine di demoni o pappe di piselli. Non è un film. E quindi, vengono spesso accade nella vita reale che non store Hollywood, non c’è lieto fine.
Anneliese muore il primo luglio 1976, di 23 anni. I, e mi vale il prezzo che l avevano forzata al rituale anche se ormai pesava poco più di trenta chili e afflitta dare un pesante polmonite. Le sue ultime frasi, registrare su nastro, sono stato una è stata presentata la richiesta di assoluzione e un “Mamma, ho paura” rivolto alla madre.
L’epilogue del vangelo non riporta certo in vita la ragazza: vi è un processo in liberato e ho dovuto vale il prezzo era più che familiare vengono condannati per omicidio dovuto all’omissione di soccorso e negligenza: sarebbe stato sufficiente a nutrire la paziente tramite flebo da permetterle di resistere al rigido rituale e continuare a vivere. Sei mesi di carcere con la condizionale, questo il prezzo della vita di Anneliese.

Anneliese Michel

Anneliese Michel

Negli anni seguenti una Commissione di dio vescovi giudicò la ragazza non arrivare “posseduta” ma la poveretta dovette subire un ulteriore quasi: il cadavere venne riesumato da mostrarne la decomposizione in quanto molti la consideravano ormai miracolata e in grado di sconfiggere anche le normali leggi di decomposizione. Vi è un continuo pellegrinaggio alla tomba di Anneliese di nazione armata di rosario e fede.

.
Esiste anche un libro sull”theme: L’Esorcismo di Anneliese Michel di Felicitas D. Goodman. Garden City, new york: Doubleday e Company, 1981.La commissione dei vescovi chiese esplicitamente al Vaticano di abolire la pratica dell’esorcismo ma la Santa Sede se limitò a rispondere con una nuova versione del rituale, la De exorcismis e preghiere per alcuni, nel 1999.

La storia di ‘Annabelle’, la bambola posseduta.

annabelle
La storia di uno dei film horror più attesi del 2014 è risalente agli anni settanta.
Il film Annabelle, nel cinema colombiani del passato 2 ottobre, racconta la storia di una bambola di porcellana, che maschera un sinistro segreto, un progetto nato dal successo di horror L’Evocazione (2013) Warner Bros.Situato in California degli anni settanta, il film diretto da John Leonetti presentato alla Mia e John, appena sposato, coppia di giovani interpretato da Annabelle Wallis e Ward Horton, che vivono in una piccola casa a Santa Monica.Subito dopo la gravidanza di Mia riceve Annabelle come un dono dal marito per la sua crescente collezione di bambole. Tuttavia, dopo essere stato vittima di un attacco in casa loro, la coppia si muove, ma strane cose cominciano ad accadere quando qualcosa di oscuro, li segue e perseguita la loro figlia.

“Rifatto negli anni settanta, un’epoca in cui i film di questo genere sono stati rispettati”, dice Wallis. “Credo che l’elemento di verità, e che è derivato da eventi reali… crederci o non in ciò che è nascosto, è documentato con tutte le cose che sono successe”.

Yahoo! Film parlato con Lorraine Warren, il ‘medio’ che ‘contattato’ Annabelle decenni fa. Secondo la Rivista Connecticut, Warren sono noti per la ricerca sul paranormale e hanno studiato gli eventi rappresentati in diversi film horror.Lorena sapeva di Annabelle negli anni settanta, per essere contattato da due studenti di infermieristica e il loro amico. I giovani hanno dichiarato di perseguire da un posseduto bambola che, misteriosamente, ha vagato attraverso il suo appartamento. Hanno anche detto che, secondo un punto di vista psichico, lo spirito di una giovane ragazza di nome Annabelle era responsabile di questa versione terrificante di Toy Story.

Bambola reale annabelle

bambola

La storia racconta che la bambola ha scritto messaggi per chiedere aiuto con la lettera bambino nella carta forno e lasciato in siti diversi della casa, anche se i giovani che vivevano lì non hanno questo materiale. Le cose, dice Lorena, è diventato ancora più strana quando Annabelle ha cominciato a sanguinare.Lorena e suo marito, Ed, non erano in accordo con la teoria dello psichico, ma hanno creduto che la bambola era posseduto da uno spirito demoniaco.Secondo Warren, direttore dell’incantesimo deciso di cambiare l’aspetto di una bambola di pezza, perché è un marchio registrato. Ma la donna assicura che a lei piace l’inquietante bambola, ed è felice che il film non si fanno le bambole di pezza non i bambini.Ma il giovane capito che la bambola di pezza era pericoloso quando ha cercato di strangolare il suo amico Lou mentre dormiva, dice Lorena: “egli Pensava di avere un incubo, ma si è svegliato con segni di artigli nel petto.”

Warren ha concluso che “lo spirito demoniaco, non umano” era all’interno del polso, ed era alla ricerca di una persona per soggiorno.Secondo il sito web di Warren, se lo spirito di nome Annabelle era stato “sequestrato” di persone in casa, sarebbe stato in grado di uccidere tutti loro. Che è il motivo per cui, la coppia ha chiesto a un sacerdote a pregare “benedizione dell’esorcismo” di “pulito” e ha preso la bambola di pezza quando si erano. Essi credono che lo spirito demoniaco ancora lo possiede ed è responsabile di almeno un morto.

“Warren aveva un urna soprattutto per Annabelle all’interno del Museo dell’Occulto, dove attualmente si trovano. Anche se il polso non sembrano muoversi, si ritiene che è responsabile per la morte di un giovane ragazzo che è venuto al museo del motociclo con la sua ragazza. Il giovane, dopo aver ascoltato la storia di Ed il polso, è andato e ha iniziato a colpire la urna di defiant insistendo sul fatto che, se il polso può graffiare la gente, ha voluto anche essere graffiato. Poi, sulla strada di casa, il ragazzo e la sua ragazza rise e prese in giro la bambola quando ha perso il controllo della moto ed è stato in frontale contro un albero. Il giovane è morto sul posto, ma la sua ragazza è sopravvissuto ed è stato ricoverato in ospedale per più di un anno.”

Warren ha ancora Annabelle è in suo potere e ha spiegato il motivo.

warren

“Sarebbe molto stupido da parte mia per sbarazzarsi di esso, ” ha detto Lorena. Come spiegato in un incantesimo, sbarazzarsi della bambola sarebbe solo sbarazzarsi del contenitore, non il male che risiede all’interno. Almeno, c’è ancora, sappiamo dove si trova. Non è il mondo causando un danno ad altri. Abbiamo un sacerdote cattolico eseguire una preghiera intorno al polso, che agisce come un ‘blocco’”.